Domenica, 21 Aprile 2019
 
  
  
  
 
UNICUSANO 01
 
D. Alighieri
 
Calabriaè
 
Banner Cundari
 
Easy Travel

BAGNARA CampoSanto 15 marzo 2015 - Di dolore si può impazzire? di Giuliana Villari

Il passamano incriminatoIl passamano incriminatoPoco più di due mesi fa ho perso una cara amica, unica, insostituibile. Una persona che ha arricchito la mia vita, la mia persona, il mio cuore di tutto ciò che noi uomini (animali sociali) abbiamo bisogno per stare bene. Ma Mimma non era soltanto amica: era moglie, madre, figlia, sorella. Manca a tutti così tanto! Emilio, suo marito, si reca al cimitero tutte le mattine a portarle un fiore, i suoi pensieri ed il suo cuore. Da qualche settimana, incontrandolo, mi accorgo che è inquieto, preoccupato, insofferente: che stia impazzendo di dolore? Finalmente trovo il coraggio di domandargli come si sente. Mi risponde: "sto impazzendo, sì! Ma non di dolore bensì di burocrazia".

Vi racconto cosa sta succedendo.

Emilio vedendo la difficoltà e il pericolo che corrono i suoi suoceri nello scendere e risalire le scale del cimitero, smussate, ricoperte d'erba e muschio, a sue spese, qualche settimana fa ha fatto montare due passamani lungo le scale che portano alla cappella dove giace Mimma. Sennonchè si sente dire: "guarda che si vocifera che vogliano denunciarti perchè hai montato abusivamente i passamani non avendo il permesso".

In realtà Emilio aveva incontrato il Sindaco e gli aveva accennato cosa voleva fare: verbalmente non aveva avuto riscontro negativo. Certo: le carte sono carte; i permessi ci vogliono; non è che ognuno si può mettere a fare come gli pare; ma da qui a quanto è successo ce ne vuole! Allarmato Emilio si reca al municipio a vedere come i suddetti passamani possano essere regolarizzati.
Trova un muro insormontabile. Si scontra per ben due volte con l'addetto, tanto che ad un certo punto decide di denunciarlo. Torna al cimitero. Fa smontare i passamani. E comincia a guardarsi bene intorno. Com'è possibile che siano tanto ligi e puntigliosi per quanto riguarda i passamani che sarebbero stati utili a tutti coloro che ogni giorno si recano al Campo Santo ed invece si lasci nel totale abbandono un luogo che meriterebbe di essere immacolato nell'ordine, nella pulizia e nella sicurezza? La burocrazia ci stà fagocitando. Ci stà consumando. Ci stà succhiando fin'anche l'ultima goccia di umanità.

Che legge è quella che non permette ad un cittadino di mettersi le mani in tasca e fare qualcosa di buono in un posto che le istituzioni trascurano e intanto lascia che le stesse possano "distrarsi" e far "cadere in rovina" un luogo che è di tutti.

Giuliana Villari

qui tutte le foto