Venerdi', 21 Giugno 2024
 
    Instagram         
 
Logo Unieuro Bagnara Calabra
 
Borgo in FioreBacco - Def 

A Reggio Calabria l’evento con lo Chef Alì Alsuaibat e l’artista Adele Canale

is reggiois reggioIn un tripudio di colori sfolgoranti e prelibatezze di cucina palestinese, presso l’Associazione Incontriamoci Sempre, presieduta dall’inarrestabile Pino Strati, si è svolto l’incontro con lo Chef Alì (Alì Moti Alì Alsuaibat) e con l’artista Adele Canale. Calabria d’Autore, con la mirabile presentazione introduttiva di Marco Mauro, ha dato vita ad un evento originale e dinamico che ha entusiasmato il numerosissimo pubblico. Particolarmente apprezzata è stata l’installazione “il Giardino di Adele” della pittrice Canale, realizzata per l’occasione con opere pittoriche raffiguranti elementi floreali e colori della terra di Calabria.

Tra gusto e colore
La miscela di gusti e rappresentazioni pittoriche è stata presentata dal critico Francesco Miroddi che ha accompagnato gli spettatori in un viaggio itinerante fra i sapori della Palestina e i colori della nostra Reggio.
La performance dello Chef Alì ha incuriosito gli ospiti che hanno appreso le antiche e rinomate tecniche della cucina palestinese.
Alì ha realizzato alcuni piatti tipici palestinesi: il Tabbouleh, molto diffuso in tutto il Medio-Oriente. Un’insalata di Pomodori e Cetrioli a pezzetti accompagnati dal tipico Bulgur; l'hummus, salsa a base di pasta di ceci e pasta di semi di sesamo (tahina) aromatizzata con succo di limone, aglio, paprica, semi di cumino in polvere, olio e prezzemolo finemente tritato; lo Za'atar, mix di spezie medio-orientali tradizionalmente composto da timo, olio, sesamo e sale.
 
L’arte dei colori
“…e tra gli altri, due i lavori più importanti nella mia vita: l’architetto per vivere, l’artista per sognare” ha dichiarato Adele Canale durante la conversazione con il critico Francesco Miroddi.
Colori sfavillanti, luminose composizioni, codici e linguaggi floreali danno vita al Giardino di Adele, uno dei numerosi lavori di ricerca pittorica dell’artista.
 
Il sorriso di un fiore
Adele non vuole essere orizzontale – dice il critico Miroddi – ma verticale.
La scrittrice Sylvia Plath, appartenente alla corrente della poesia confessionale, mentre ambiva all’immortalità dell’albero e all’audacia della cima di fiore, configurava l’orizzontalità come la propria congiunzione finale con la terra e con la morte. L’Artista invece si contrappone concettualmente ai ragionamenti della Plath.
I fiori di Adele, infatti, celebrano la vita: vivono e respirano nel suo silenzio. Sorridono continuamente producendo un rumore muto ma assordante.
Il frastuono di quelle risate annulla qualunque suono e qualsiasi dissonanza, dando vita, in quel momento, ai colori del Giardino di Adele.
L’artista si estranea dalla realtà – continua Miroddi – e attraversa la verticalità di un corridoio, di teletrasporto spazio-temporale, che conduce in quell’Eden colorato, in cui rappresenterà sulla tela il volto di coloro che sapranno offrirle quel sorriso, fatto di pause e di silenzi.
Ogni fiore, raffigurato da Adele, è il ritratto del sorriso di una persona amica concepito con la complicità di quei colori audaci e di quelle vernici che, risultato di più e più corpose pennellate, gridano anche loro in un caos personale e calmo.
Lei vorrebbe fosse sempre così nell’inesauribile desiderio di essere ancora più simile a un fiore, per non conoscere pensieri.
E’ vero. Se Adele rinascesse sarebbe proprio un fiore – conclude Miroddi.