Domenica, 14 Aprile 2024
 
    Instagram         
 
Logo Unieuro Bagnara Calabra
 
Festa della Costa ViolaBacco - Def 

A Rosarno una tesi di laurea ricorda la vita e le opere dell'artista Adriano Fida

Lartista Adriano FidaLartista Adriano Fida“Studio di un giovane artista realista scomparso: Adriano Fida” è il titolo del lavoro di una Tesi di Laurea Magistrale nel Corso di Laurea in Letteratura, Arte, Musica e Spettacolo, che è stata discussa per l'Università E – Campus. Dinanzi all’entusiasmo di una Commissione costituita dalle docenti Gjergji Iside, Presidentessa, Mollo Paola, Segretaria della Commissione stessa, e dai professori Pesce Mario e Montecchio Luca il Maestro Adriano Fida è diventato oggetto di ricerca e di studio sperimentale. La Tesi porta la firma di Isabella Cannizzaro, rosarnese, concittadina dell’artista e ammiratrice appassionata delle sue opere, riportando il brillante risultato di 101/110. La giovane candidata Cannizzaro aveva proposto nei mesi scorsi la novità dell'argomento e, superato il primo naturale scetticismo della relatrice critica e storica Chiara Canali, aveva dato inizio ad un’opera di recupero di tutto ciò che era stato realizzato dall’artista.

Enorme la soddisfazione non solo della neo laureata, ma anche e soprattutto della famiglia del giovane pittore, i suoi più intimi congiunti, il papà Rocco e il fratello, hanno sostenuto la ricerca di studio, fornendo informazioni, dati, immagini suggestive e vario materiale persino inedito, che hanno permesso di ricostruire la figura di Adriano Fida a 360° sotto il profilo biografico, formativo e artistico – culturale. “È per noi un onore e un vanto che mio fratello” dichiara Pasquale Fida “sia argomento di studio e di indagine, che sia ancora celebrato anche in una Tesi di Laurea, trattando di lui e della sua arte.” La tesi si pone come novità e curiosità al fine di far conoscere ancor più un talento come quello del Maestro Adriano Fida, che nonostante l’improvvisa scomparsa ha lasciato un’importante e vasta eredità umana e culturale.

Il compianto Maestro era stato salutato con dolore e commozione dalla sua città di Rosarno nell’ottobre 2022, rientrato dalla sua città di Roma di adozione artistica, dopo aver combattuto con grande forza contro l’implacabile malattia che lo ha strappato oltre che agli affetti più cari anche alla sua amata terra medmea, sempre presente nelle sue rievocazioni artistiche, ed al panorama mondiale in cui ormai si era collocato.

Caterina Restuccia