Lunedi', 15 Aprile 2024
 
    Instagram         
 
Logo Unieuro Bagnara Calabra
 
Festa della Costa ViolaBacco - Def 

In memoria di Giandomenco Gatto

  • Categoria: Sociale

Giandomenico GattoGiandomenico Gatto"E così, oggi sono 10 anni.

10 anni, da quando quel maledetto infarto ti ha strappato a questa vita, ti ha strappato a noi che ti volevamo bene. Ancora guardo le tue foto, e non riesco a crederci, non riesco ad accettarlo. Mi mancano i nostri discorsi, mi manca la tua calma, o quando ti sporcavi di schiuma di birra i tuoi mitici baffoni. Mi mancano i tuoi racconti sui concerti di Vasco Rossi, o le partite allo stadio, a vedere la tua Juventus, la NOSTRA Vecchia Signora. Hai dovuto sopportare tante prese in giro, proprio come me. Ti sfogavi scrivendo, proprio come me, anche se io stavo iniziando ad aprirmi al mondo, coi miei lavori. E mi resta il rimpianto di esser stato così timido e impacciato da non aprirmi abbastanza, non averti scoperto al 100%, e spero mi perdonerai, per questo. Io sono cambiato tanto, in questo decennio, oggi la nostra amicizia sarebbe ben diversa. Spero di non chiederti troppo, chiedendoti di sorvegliarmi da lassù, di inviarmi qualche segno, un buon consiglio di tanto in tanto. Conoscendoti, sono sicuro che accetteresti di buon grado. Ti saluto, Giando. E perdonami ancora."

Con queste parole ricordo Giandomenico Gatto, detto Giando,che purtroppo è scomparso 10 anni fa. Bagnarese trapiantato a Torino, era nato il 6 di Settembre, e a soli 37 anni è stato portato via da un infarto. Eppure, non ha mai nascosto il proprio amore per Bagnara, nonostante le prese in giro che riceveva, nonostante i tantissimi problemi, come emergeva dalle poesie che scriveva, e che purtroppo abbiamo scoperto solo una volta dipartito. In quei 15 giorni in cui scendeva a Bagnara è riuscito ad entrare nel cuore di molti, perché non si faceva problemi di parlare con chiunque, con una birra in mano e delle noccioline in un vassoio, seduto da un altro compianto bagnarese, Saro “il meno caro” Bombara. Per questo, ad agosto del 2013, è stato organizzato l’evento “ArtegGiando”, in cui si sono esibiti tantissimi artisti... e il sottoscritto (che artista non è). Adesso, prima di farmi travolgere dai ricordi ed esplodere in lacrime, ti saluto con le parole del “tuo” Vasco:

e da qui, e da qui
qui nn arrivano gli ordini
a indicarti la strada buona
e da qui, e da qui
qui non arrivano gli angeli…

Vincenzo Laurendi