Sabato, 18 Maggio 2024
 
    Instagram         
 
Logo Unieuro Bagnara Calabra
 
Borgo in FioreBacco - Def 

Acqua di nuovo potabile a Solano Inferiore, revocata l'ordinanza di divieto

  • Categoria: Politica
Pistolesi - RandazzoPistolesi - RandazzoNei giorni scorsi, il Sindaco Adone Pistolesi ha revocato l'ordinanza dello scorso 7 agosto sul divieto di utilizzo dell'acqua per scopi potabili e per il consumo umano nel territorio della frazione di Solano Inferiore. Nelle settimane scorse, dopo gli interventi di controllo e delle analisi dell'acqua proveniente dalla rete idrica comunale di Solano Inferiore, è stato disposto il divieto temporaneo dell'acqua potabile compresa la fruizione dalla fontane pubbliche. 
In seguito, lo scorso 15 settembre il responsabile della UOC 5 ingegnere Marco Antonio Sergi ha comunicato che gli esami eseguiti dalla società SIGRA hanno dato risultati conformi. Il sindaco Adone Pistolesi, l'assessore Angela Randazzo e la consigliera Domenica Laurendi hanno suggellato il momento scattando una foto ricordo mentre si dissetano alla fontana monumentale Ruffo ubicata a Solano. La foto postata sui social ha prodotto una serie di commenti positivi per la sistemazione della sorgente e per la potabilità dell'acqua.
<<La parola data si è compiuta - si legge in una nota stampa di Palazzo San Nicola - l'amministrazione comunale lo aveva promesso, le frazioni al centro dell'azione politico amministrativa. Siamo così partiti dalla più lontana, quasi sempre "ultima" nei pensieri delle amministrazioni: Solano Inferiore, non saranno da meno Ceramida e Pellegrina. La storica fontana Ruffo da tanti anni, troppi, non aveva acqua potabile ma dopo l'indirizzo politico amministrativo di questa amministrazione, si è compiuta una importante opera primaria, realizzando un tratto ex novo di rete idrica con l'installazione di serbatoi nuovi e relativa pompa idraulica che oltre alla fontana Ruffo rifornirà anche la rete comunale della frazione>>.   
Gli amministratori chiedono alla popolazione fiducia e tempo e riconoscono che ci sono emergenze e precarietà all'interno del territorio comunale che devono essere affrontate: <<Ci vogliono importanti risorse economiche e tempo>>.
 
t.f.