Sabato, 18 Maggio 2024
 
    Instagram         
 
Logo Unieuro Bagnara Calabra
 
Borgo in FioreBacco - Def 

"La Bagnara che VogliAmo": Lettera aperta al Sindaco ed all'Amministrazione su problemi sul sistema idrico e fognario

  • Categoria: Politica

rubinetti a seccorubinetti a seccoSig.Sindaco, Signori/e della Giunta, Signori/e Consiglieri di maggioranza.

Ci sono pervenute  molteplici segnalazioni da nostri concittadini che da diverse settimane hanno ripetutamente sollecitato le S.V.  e l'ufficio tecnico comunale, circa la necessità di garantire e gestire servizi primari come l'idrico e quello fognario. L'acqua in molte zone del paese arriva col contagocce. In altre realtà, frazioni comprese, poco dopo le tredici i rubinetti smettono di erogare acqua, salvo attivare gli autoclave. Per quanto concerne la funzionalità del sistema fognario la situazione è ancora di più imbarazzante. Sul lungomare, specie nella zona di Marinella, si avvertono olezzi non certamente gradevoli.  Da rilevare e censurare sversamenti fognari in spiaggia. Nella  zona campo sportivo è  preoccupante la discesa in spiaggia di reflui fognari, come si vede dalla foto. 

Anche su questi servizi avevate puntato il dito contro la precedente amministrazione. Visto l' enfasi con la quale mettevate in evidenza talune criticità, ci aspettavamo, ma ancora di più i cittadini, un cambio di marcia. Quello che maggiormente preoccupa, e dovrebbe farvi riflettere, è che i capitoli di bilancio relativi alla gestione di questi servizi siano prossimi allo zero. Per cui i suddetti disservizi risultano essere un problema più grande di quello che sembrano a primavera inoltrata. Avete speso come forsennati sperperando denaro pubblico senza precedenti ed in servizi  assolutamente di secondaria importanza. Se le risorse sono ormai limitate, cosa succederà quando arriveremo nel periodo più impegnativo come quello estivo? Urgenze e manutenzioni vanno affrontate con le dovute risorse. Inoltre, accoglieremo i turisti con un doppio biglietto da visita: servizi primari inesistenti e tassa di soggiorno da versare. Beh, non è il massimo sostenere il turismo e quanto ruota attorno con questi presupposti.

Ed allora, anche su questo dovete chiedere scusa ai cittadini per tutte le vostre continue ed avventate frasi sul cambiamento e sulle vostre competenze amministrative volte alla risoluzione immediata dei problemi del paese, quali ad esempio la scuola Morello. Da oggi non potrete più accampare scuse. Se ancora vorrete usare il  termine "neofiti", dopo un anno di attività, ci viene da pensare che state continuando nel deprecabile tentativo di ingannare in maniera continuata i nostri concittadini che si aspettavano tanto di più. Ma molto di più.