Giovedi', 25 Febbraio 2021
 
    Instagram         
 
New Media - Natale
 

TAURIANOVA Agricoltura, l'Assessore Monteleone chiede aiuti alla Regione: "Rischio gelate tardive e danni all'agricoltura"

  • Categoria: Politica

Simona MonteleoneSimona MonteleoneL’agricoltura calabrese ormai da un anno deve fare i conti con la grave crisi portata dal Covid, che ha trascinato quasi al collasso l’agricoltura calabrese, ma c’è anche un altro pericolo che tiene in allerta gli agricoltori, quello delle gelate tardive.

A tenere dunque i coltivatori con il pensiero rivolto verso le prossime settimane, complice anche l’ondata di freddo intenso di questi ultimi giorni, sono le gelate attuali che hanno intaccato il lavoro svolto dai nostri agricoltori.

In particolare, nelle scorse settimane, ad essere danneggiate, per colpa del gelo, il frutto di mirtillo, nonché le foglie di avocado e altri tipi di colture protette che hanno causato gravi perdite agli agricoltori Taurianovesi.

Siamo di fronte ad un problema che negli ultimi anni si sta registrando con maggiore influenza e con danni amplificati dall’andamento climatico, che si tratti di danni causati alle produzioni proprie o alle aziende agricole.

Inoltre, ad essere danneggiate, come spesso accade, saranno le produzioni di ortaggi in pieno campo come cipolle, zucchine, piselli e finocchi.

È soprattutto il settore agrumicolo – con in testa arance, clementine e limoni - ad aver accusato diverse ripercussioni in termini di produzione, con frutti pronti ad essere raccolti e distribuiti ma compromessi dalle gelate.

L'Assessore Monteleone dichiara: “E' un appello che rivolgo agli Assessori all'Agricoltura di tutta la Piana, e non solo - l'obiettivo è quello di fare squadra per ottenere delle soluzioni immediate per i nostri agricoltori attraverso un aiuto concreto dalla Regione Calabria.

Noi saremo al fianco degli operatori per sostenerli concretamente con risposte certe e in tempi brevi. Bisogna prepararsi ad attivare tutte le procedure previste dalle norme vigenti per il riconoscimento dello stato di calamità.

Non stiamo facendo altro che raccogliere le diverse istanze dei nostri agricoltori.”