Lunedi', 18 Ottobre 2021
 
    Instagram         
 
Bacco - Banner
 

Approda a Palmi il naufrago per amore Enoch Arden raccontato da Vanessa Gravina con Stefano Giavazzi al piano

Stefano Giavazzi e Vanessa Gravina in Enoch Arden alla Casa della Cultura Repaci di PalmiStefano Giavazzi e Vanessa Gravina in Enoch Arden alla Casa della Cultura Repaci di PalmiProsegue la stagione degli Amici della Musica Manfroce alla Casa della Cultura Leonida Repaci

«Nella valle ombrosa, un verde boschetto di noccioli attira in autunno i chiassosi fanciulli del villaggio. In questo luogo, cent’anni orsono, tre fanciulli si recavano a giocare: Annie, la più graziosa fanciulla del villaggio, Phillip Rei, figlio del mugnaio, ed Enoch Arden, orfano di un marinaio ucciso dal mare in tempesta. Ora innalzavano castelli di sabbia, ora inseguivano i flutti(…)». Così l’attrice di cinema, televisione e teatro, Vanessa Gravina, ha esordito sul palco dell’auditorium Leonida Repaci di Palmi, in occasione dell’unica tappa in Calabria dello spettacolo “Enoch Arden”. La sua intensa voce recitante è stata accompagnata al piano da Stefano Giavazzi.

«È sempre una grande emozione portare in scena questo melologo scritto dal poeta vittoriano Lord Alfred Tennyson e poi magistralmente musicato dal grande Richard Strauss. È un racconto epico molto attuale, la storia di un amore meraviglioso ed eterno. Sono stata contenta di proporre questo spettacolo qui in Calabria, terra alla quale sono molto legata, dove in tante occasioni sono stata per lavoro, che ho imparato ad amare e che spesso scelgo per le mie vacanze, anche d’inverno», ha commentato l’attrice Vanessa Gravina.

Dopo l'apertura della stagione autunnale con i concerti del duo dei fratelli De Stefano, di Giuseppe Gullotta e di Emanuel Limanov (premio Busoni), il classico tardo-romantico di età vittoriana ha segnato la nuova tappa della rassegna Synergia 46 giunta, come suggerisce la denominazione, alla 46^edizione, promossa dall'associazione Amici della Musica Nicola AntonioManfroce di Palmi, presieduta da Antonio Gargano, cofinanziata nell'ambito dell'avviso pubblico Promozione Eventi Culturali della Regione Calabria.

«Il tema dell’amore, che si distende giulivo e radioso, il tema della natura, ampio e luminoso, evocativo dei luoghi di mare e del clima uggioso della costa inglese, i personaggi e il tema della rassegnazione, tormentato e malinconico», così nell’introduzione al melologo, Vanessa Gravina ha descritto la scansione narrativa conferita al poema di Tennyson dall’incontro con l’ispirazione del compositore Richard Strauss. E infatti sono l'amicizia e l’amore, il viaggio e il naufragio, il ritorno, il dolore e di nuovo l’amore ad animare la struggente e attuale storia di Enoch Arden, partito alla volta del mare, dinnanzi al quale da fanciullo giocava con l’amata Annie e l’amico Phillip, per salvare coloro che avrebbe amato sempre e comunque. Sullo sfondo della storia una natura «dove una profonda insenatura si apre tra rocce frastagliate e il bianco dei marosi s’infrange contro la sabbia dorata, intorno ad un minuscolo porto (…)», ha decantato ancora Vanessa Gravina.

«Per me essere tornata qui a Palmi ha rappresentato un’altra grande emozione. Conosco molto bene questa città alla quale mi legano le significative esperienze vissute grazie alla scuola di Franco Zinnato e all'incontro con il professore Pino Lacquaniti. Ho avuto molti amici in questo luogo e conservo ancora oggi dei ricordi meravigliosi. Anche in questa occasione, inoltre, il pubblico si è lasciato coinvolgere da questo intenso viaggio e ciò ha oltremodo arricchito la serata», ha sottolineato ancora Vanessa Gravina.

Il prossimo appuntamento con la rassegna Synergia 46, in programma per sabato 23 ottobre alle ore 18 sempre nella cornice dell’auditorium della Casa della Cultura Leonida Repaci di Palmi, avrà come protagonista la soprano Lidia Fridman alla quale è stato assegnato il premio Musicarte per l’interpretazione delle musiche di Nicola Antonio Manfroce in Ecuba al Festival della Valle d’Itria. La soprano sarà accompagnata dal pianista Matteo Londero.