Martedi', 12 Novembre 2019
 
  
  
  
 
FESTA DEL TORRONE 2019
 
D. Alighieri
 
Banner Panificio Caruso - Giuseppe
 
Banner Cundari
 
WGT Solution
 

Acireale ko a tavolino contro l’Acr Messina? E la Palmese…

  • Categoria: Sport

Il calciatore Cannino in campo durante Acireale-Palmese 4-1Il calciatore Cannino in campo durante Acireale-Palmese 4-1PALMI (RC) - L’Acr Messina potrebbe avere partita vinta a tavolino! Il riferimento riguarda il ricorso del club peloritano che si rifà alla seconda giornata di campionato (domenica 8 Settembre 2019) quando l’Acr Messina perse il match casalingo contro l'Acireale per 1-2. Tale sconfitta potrebbe infatti trasformarsi in una vittoria per 3-0 a tavolino.

Il Giudice Sportivo di Serie D non ha omologato il risultato (1-2) di Acr Messina-Acireale, gara valida per la 2^ giornata di campionato con la seguente motivazione: “Preso atto del preannuncio di reclamo da parte della Società A.C.R.MESSINA SSD ARL avverso l’esito della gara indicata a margine, si soprassiede ad ogni decisione in merito”.

Oggetto del ricorso la posizione del difensore granata dell’Acireale Francesco Cannino, sul quale pendeva una precedente squalifica ai tempi della Juniores del Città di Messina, con i giallorossi che adesso potrebbero ottenere la vittoria per 3 a 0 a tavolino. Lo stesso calciatore Cannino infatti, doveva ancora scontare due giornate di squalifica maturate durante lo scorso campionato.

Ma l’incredibile avventura di Cannino e dell’Acireale poteva avere conseguenze più pesanti per lo stesso Acireale perché il calciatore in questione è stato tra gli undici titolari scesi in campo durante la prima giornata di campionato (1Settembre 2019) quando al “Tupparello” si giocò Acireale-Palmese vinta dai siciliani di mister Peppe Pagana per 4-1.

A questo punto, se due più due fa quattro, se all’Acr Messina daranno partita vinta a tavolino, la stessa sacrosanta cosa avrebbe potuto fare la Palmese: avanzare reclamo entro 48 oree vincere la partita a tavolino. Se così fosse, errore (orrore) gravissimo da parte dei dirigenti neroverdi.

di Sigfrido Parrello