Martedi', 26 Ottobre 2021
 
    Instagram         
 
Bacco - Banner
 

BAGNARA CALABRA Proclamato dallo Slai Cobas lo stato di agitazione per i lavoratori di Locride Ambiente

  • Categoria: Sociale
Stato di agitazione per i lavoratori di Locride AmbienteStato di agitazione per i lavoratori di Locride AmbienteIl coordinatore provinciale dello Slai-Cobas, Nazareno Piperno, ha reso noto che i dipendenti di Locride Ambiente, società che gestisce la raccolta dei rifiuti nel Comune di Bagnara Calabra, non hanno ricevuto il pagamento della busta paga di agosto. Il sindacato, che assiste i lavoratori nell'ottenimento dei loro diritti, ha quindi indetto lo stato di agitazione.     
<<La protesta - spiega Piperno - risiede nell'evidente ennesimo inadempimento da parte dell'azienda che, continuando nel proprio atteggiamento, rifiuta di consegnare ai lavoratori i prospetti-paga necessari per ottenere ilpagamento delle loro spettanze anche a mezzo dell'intervento sostitutivo presso le Stazioni appaltanti che i lavoratori, come è ormai ben noto, sono costretti ad attivare ogni mese per ottenere quanto loro dovuto>>. 
L'iter che i lavoratori sono costretti ad attivare intasa il funzionamento degli uffici amministrativi coinvolti e i disagi per le famiglie aumentano senza il pagamento regolare dello stipendio.    
<<La Locride Ambiente - aggiunge il coordinatore provinciale Slai Cobas - tenta di realizzare in maniera indiretta un meccanismo di controllo su quali lavoratori devono esserepagati (consegnando le relative buste-paga) e quali invece devono rimanere fuori dai pagamenti, non cionsegnando appunto le buste-paga e, quindi, bloccando il perfezionamento dei procedimenti di pagamento. Comportamento inaccettabile che- cocnlcude Piperno - oltre ad essere assunto in totale violazione di legge, essendo quello di consegnare i cedolini un preciso obbigo datriale, rappresenta l'ennesimo tentativo di tale azienda di impedire il con ogni mezzo il soddisfacimento dei loro sacrsanti diritti>>.  
I lavoratori son preoccupati per l'ennesimo ritardo del pagamento della mensilità e annunciano dopo lo stato di agitazione lo scipero se la situazione non si sbloccherà.
 
Tina Ferrera