Venerdi', 23 Agosto 2019
 
  
  
  
 
UNICUSANO 01
 
D. Alighieri
 
Banner Panificio Caruso - Giuseppe
 
Banner Cundari
 
WGT Solution
 

A Gioia Tauro, esecutivi unitari CGIL, CSIL e UIL

  • Categoria: Sociale

ESECUTIVI UNITARIESECUTIVI UNITARI“In un contesto storico e sociale frammentato, lavorare in sinergia, condizione indispensabile”

Nella sede Cgil di Gioia Tauro, la triplice, si è riunita con esecutivi unitari per dare impulso al percorso comune avviato mesi fa. Celeste Logiacco (Segretario generale Cgil Gioia Tauro) ha fatto gli onori di casa, introducendo i lavori e sottolineando che l’appuntamento odierno è frutto di un lavoro di confronto iniziato da diverso tempo e che è stato possibile grazie alla completa disponibilità di Gregorio Pititto (Segretario generale Cgil RC-Locri), che ha coordinato i lavori della giornata valorizzando l' importanza dell'unitarietà e la piena volontà di lavorare assieme partendo da ciò che unisce le tre sigle confederali metropolitane e mettendo al centro del sentire comune le infrastrutture indispensabili in un territorio poco e male interconnesso che rischia di vedere isolate e conseguentemente abbandonate le preziose aree interne, Rosy Perrone (Segretario generale Cisl Metropolitana) e Nuccio Azzarà (Segretario generale Uil Rc). Logiacco nell'affrontare temi quali sanità, lavoro, infrastrutture, trasporti e viabilità, territorio e aree interne, dissesto idrogeologico, sviluppo e investimenti, porto di Gioia Tauro e Zes ha evidenziato la necessità e il valore inestimabile di agire congiuntamente rispettando le differenze che contraddistinguono le tre organizzazioni, ma con lo spirito costruttivo di affrontare e possibilmente risolvere le criticità che affossano il territorio dell’area metropolitana. 

Dagli esecutivi unitari è emersa la necessità di individuare delle priorità che guardino alla legalità e soprattutto allo sviluppo di una porzione fondamentale della Calabria, sempre più periferia del Paese. Temi aggrediti e approfonditi da Nuccio Azzarà, il quale, indicando delle macrotematiche su cui porsi degli obiettivi a medio termine - come sanità, infrastrutture, trasporti e agricoltura - ha voluto energicamente porre al centro del dibattito la portata epica dei problemi che riguardano Reggio Calabria e la sua provincia. Ha ribadito - “in un contesto politico e storico, frammentato e delicato come quello che stiamo attraversando, da soli non si va de nessuna parte. Le nostre differenze le dobbiamo concepire come ricchezze e dobbiamo gestirle in modo confederale”. Continuando il suo intervento sull’importanza del lavorare in sinergia e nell’unitarietà, Azzarà ha definito il ruolo del sindacato come strategico ed indispensabile, ma solo se nutrito da sentimenti di servizio e di rappresentanza - “il nostro ruolo è quello della rappresentanza, del confronto e della proposta. Ed oggi, dopo tanti anni lo possiamo svolgere con la comunione di intenti. Ma occorre scappare dall’autoreferenzialità e mettersi in gioco con credibilità e coraggio.” 

Molti sono stati gli interventi dei componenti delle varie federazioni che hanno animato il dibattito, dal dissesto idrogeologico, alla questione Zes, alla mancata assegnazione delle deleghe da parte della Regione Calabria alla Metrocity, alla centralissima e scottante questione sanità, al tema dell'ambiente, delle acque , dei rifiuti .Ma il filo conduttore è stato sempre lo stesso: l’azione sindacale richiede sacrificio ed impegno, e oggi più che mai la componente che risulterà essere vincente, sarà quella di restare in rete in tutti i settori e in tutte le vertenze. Tra i punti trattati c’è stato anche quello dell’organizzazione dell’evento nazionale del 22 giugno che vedrà Cgil, Cisl e Uil nazionale insieme a Reggio Calabria per avvalorare l’importanza della città nelle politiche del Mezzogiorno. 

“Un appuntamento - come ha svelato Rosy Perrone, nelle sue conclusioni - che viviamo con grande senso di appartenenza, perché siamo convinti, che potrà offrire ai cittadini, la possibilità di sentirsi parte integrante di una proposta che parte dalla nostra città per arrivare ai tavoli nazionali, quelli che contano, quelli che fanno la differenza”. Dunque una testimonianza di centralità del territorio metropolitano, al quale, la manifestazione unitaria del 22 giugno, conferirà visibilità e grande partecipazione. Un evento che la città negli ultimi trent’anni non aveva mai vissuto. 

Programmare, organizzare, risolvere, questa deve essere la mission di questo percorso comune. Adoperarsi con informazione e merito, affinché i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil partecipino ai tavoli istituzionali chiedendo un confronto costante sui grandi temi che riguardano lo sviluppo del nostro territorio 

La disamina di Perrone, sulla scorta degli interventi di Azzarà, Logiacco e Pititto, ha confermato l’assoluta esigenza di un percorso unitario, proprio per superare le anomalie di un territorio asfittico che, progressivamente, sta esaurendo ogni possibilità di riscatto. La sfida dell’azione che dovranno mettere in campo Cgil, Cisl e Uil dunque, dovrà avere stimoli costanti dunque prima e soprattutto dopo il 22 giugno, e dovrà misurarsi con le istanze sia dei lavoratori che dei cittadini affinché nell' agire sindacale gli stessi possano percepire un saldo riferimento sociale, un baluardo democratico di rappresentanza e di partecipazione attiva.

Cgil Rc Locri - Gregorio Pititto
Cgil Gioia Tauro - Celeste Logiacco
Cisl Metropolitana - Rosi Perrone
Uil Metropolitana - Nuccio Azzara