Lunedi', 18 Dicembre 2017
  
  
  
 
uni
OMC 5
careri
Banner Ottica in
1 Autonoleggio Luppino

COSENZA I bambini dell’Ospedale Civile Annunziata in Piazza San Pietro per l’accensione dell’Albero dei Desideri

  • Categoria: Sociale

Bambini in PiazzaBambini in PiazzaShhhh. Abbassiamo il volume dei pensieri inutili, azzeriamo i decibel delle parole vuote. Facciamo silenzio, concentriamoci solo sul suono degli sguardi, sulle filastrocche dei sorrisi, sulla magia del Natale. Venite, decoriamo l'albero di luci e di colori, accendiamolo di solidarietà. Ci divertiremo.



Anche quest’anno Piazza San Pietro si illumina con l’Albero di Natale decorato da decine di bambini che negli ospedali di tutta Italia hanno modellato gli addobbi in argilla per esprimere i propri desideri, grazie all’iniziativa promossa dalla Fondazione Lene Thun, Onlus bolzanina che promuove e gestisce laboratori di terapia ricreativa attraverso la modellazione ceramica in contesti di malattia e disagio.

“L’Albero dei Desideri” è il simbolo della speranza, del coraggio e della voglia di vivere di tanti piccoli che ogni giorno si trovano ad affrontare le difficoltà nel percorso della malattia e la sfida più grande, quella per la vita. Attraverso la manipolazione dell’argilla, i bambini hanno ritrovato non solo il sorriso e la forza per guarire, ma anche la possibilità di manifestare liberamente la propria creatività.

I bambini dell’Ospedale Civile Annunziata di Cosenza, dei reparti di Pediatria e di Oncoematologia pediatrica, partiranno accompagnati dalle loro famiglie e dai volontari della Onlus, alla volta di Roma il 6 dicembre e assisteranno alla cerimonia di accensione dell’Albero in Piazza il giorno 7.
Per l’occasione Papa Francesco riceverà i bambini in udienza privata.

Il progetto è stato realizzato grazie alla preziosa collaborazione di tutta l’equipe sanitaria e il personale medico ospedaliero quotidianamente impegnati nella lotta alla malattia. Un ringraziamento particolare va al Dott. Achille Gentile, Direttore Generale e al Dott. Domenico Sperlì, Primario del Reparto di Pediatria che hanno supportato l’attività.

******

Grazie al contributo di molti, nel corso di quest'anno, la Fondazione Lene Thun Onlus,  attraverso i 33 laboratori distribuiti sul territorio nazionale, ha regalato oltre 27.000 ore di sorrisi e supportato con la sua attività 9.000 bambini e le loro famiglie,  che grazie alla magia della modellazione,  oggi vivono in maniera meno dura e difficile i lunghi ricoveri a cui li costringe la malattia.

*****

La Fondazione Lene Thun, creata da Peter Thun per ricordare la gioia e i benefici provati da sua madre, la Contessa Lene, mentre plasmava l’argilla dando forma alle celebri figure THUN, promuove dal 2006 laboratori di terapia ricreativa attraverso la modellazione ceramica in contesti di malattia e di disagio, prevalentemente sul territorio italiano.

La manipolazione dell’argilla e l’attività di modellazione agiscono su due piani: regalano un’immediata sensazione di benessere, di piacevolezza e divertimento, e permettono, attraverso la creazione di forme tridimensionali, di dare voce alla propria sfera emotiva, attenuando le paure e la sofferenza interiore. Si creano così i presupposti per ricevere aiuto e sviluppare l’autostima e la socializzazione.

Nel 2014, nasce il progetto “Fondazione Contessa Lene Thun negli Ospedali”, che prevede la realizzazione di Laboratori permanenti di modellazione della ceramica all’interno dei reparti pediatrici di grandi ospedali italiani.

Attualmente sono attivi  33 laboratori permanenti offerti gratuitamente a 19 strutture sanitarie di eccellenza come Policlinico Gemelli e Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma, Policlinico Vittorio Emanuele di Catania, Ospedale San Gerardo di Monza, Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, Ospedale Tappeiner di Merano, Ospedale San Maurizio di Bolzano, Ospedale Pediatrico Microcitemico di Cagliari, Ospedale Annunziata di Cosenza, Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova, Istituto Nazionale dei Tumori e  Istituto Neurologico Besta di Milano,  Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Ospedale Pediatrico Santobono Pausilipon di Napoli, Ospedale Spirito Santo di Pescara, Ospedale Civico di Palermo, Policlinico Sant'Orsola Malpighi di Bologna e Ospedale Vito Fazzi di Lecce. La Fondazione inoltre si è impegnata fortemente in un progetto a favore dei bambini che vivono nelle zone colpite dal terremoto, organizzando 6 settimane di laboratori estivi di modellazione ceramica presso Amatrice, Cittareale, Antrodoco, Leonessa e Norcia.

L’attività si concentra soprattutto nei reparti di oncoematologia pediatrica che comportano una lunga e pesante ospedalizzazione, ma anche in alcuni reparti di neuropsichiatria infantile. I laboratori, che si svolgono una volta alla settimana, vengono coordinati dallo staff di volontari e da ceramisti della Fondazione e sono offerti gratuitamente alle strutture e ai pazienti.