Giovedi', 20 Settembre 2018
  
  
  
 
UNICUSANO 01
 
OMC 5
careri
Banner Ottica in
Easy Travel

RIACE Il 25 agosto la quinta tappa del progetto "25xdodici+uno"

25AGOSTO RIACE LOCANDINA25AGOSTO RIACE LOCANDINAUn intervento artistico il giorno 25 di ogni mese per un intero anno e in vari luoghi (aprile 2018-aprile 2019). Questo si prefigge il gruppo koinè, suggerendo la valorizzazione della cerimonia della liberazione, ricordandone l'impegno quotidiano. 
 
Riace è un esempio concreto di resistenza quotidiana, nonviolenta e contemporanea che apre l'immaginazione e facendosi modello offre la possibilità, la scelta e l'opportunità a noi, che abitiamo questo mondo, di restare umani.  La quinta tappa del progetto 25xdodici+uno a Riace è dedicata a Vittorio Arrigoni (Vik). 
 
Il 25 agosto 2018 alle ore 18.00 presso la  piazza del Municipio di Riace Superiore si apre l'iniziativa 25xdodici+uno del gruppo Koinè con la lettura dello scritto "La storia siamo noi", di Vittorio Arrigoni redatto a Gaza il 23 agosto 2008. A seguire, presentazione del progetto, passeggiando per le vie e le piazze di Riace tra le installazioni artistiche del gruppo Koinè. La passeggiata terminerà nella Piazzetta Donna Rosa, luogo simbolo della resistenza di Riace, con una cocomerata resistente e musiche dal mondo. Presenti : Sindaco di Riace, Domenico Lucano, Mario Vallone presidente del coordinamento A.N.P.I. Regione Calabria e un rappresentante dell'A.N.P.I. di Dongo. 
 
Riace, un esempio concreto e contemporaneo di comunità aperta e multiculturale, in cui i valori della lotta partigiana, custoditi nella nostra costituzione, diventano guida per una pratica quotidiana di resistenza non violenta. A Riace, infatti, non si cede all'urto delle mafie, del razzismo, del fascismo e di tutte le ingiustizie. Si continua, nonostante i fondi bloccati, lo sdoganamento del razzismo in politica e nel discorso pubblico, a costruire  quotidianamente quel sogno di società, di città futura, di quell'utopia concreta che ha permesso dal 1998 ad oggi  ai migranti arrivati a Riace, provenienti da oltre 20 nazioni differenti, di veder riconosciuto lo status, non tanto di rifugiato, quanto di essere umano e di essere accolto nel rispetto di quella dignità che mai, a nessuno, dovrebbe essere tolta. 
 
La resistenza a Riace, assume anche un altro aspetto. A Riace si è riusciti a bloccare quel processo di spopolamento che ha colpito molti paesi del Sud Italia, causato dalle migrazioni verso il Nord Italia o il Sud America, permettendo a diversi riacesi di non essere costretti a lasciare la propria casa e le proprie famiglie. Riace è un esempio concreto di resistenza quotidiana, nonviolenta e contemporanea che apre l'immaginazione e facendosi modello offre la possibilità la possibilità, la scelta e l'opportunità a noi, che abitiamo questo mondo, di restare umani. 
 
Il gruppo koinè nasce nel 1995 ed è attualmente composto da undici artisti che operano con diversi linguaggi espressivi (installazioni, performance, musica, poesia, fotografia e video). Pur senza condividere una tendenza a o un movimento condividono i fondamenti teorici del "fare arte" nel rispetto delle specifiche poetiche e della libera creatività di ciascuno. Hanno scelto di esporre in ambienti non deputati all’arte. Hanno lavorato nei boschi e nei prati, per le strade e nelle piazze, lungo il greto dei fiumi, sui moli e sull’acqua, nelle fabbriche e nei capannoni portuali, in spazi perciò insoliti e comunque lontani dal mercato, dall’ufficialità e dalle mode del momento.