Martedi', 29 Novembre 2022
 
    Instagram         
 
liceo
 
bagnara sas -
LOGO UNIEURO 

Pedana di Marturano e scomparsa di 5000 euro, "La Bagnara che VogliaAmo": "cattiverie gratuite per nascondere la propria incapacità"

  • Categoria: Politica
Gruppo - La Bagnara che VogliamoGruppo - La Bagnara che VogliamoBAGNARA CALABRA - Mentre a Marinella, zona Cacili, si lavorava alacremente per completare la nuova condotta fognaria, voluta e realizzata dalla precedente Amministrazione, nel Consiglio Comunale di ieri l'altro, non sono passate inosservate un paio di dichiarazioni, registrate, verbalizzate e, quindi, agli atti. Le stesse in tutta evidenza sono state rese al di fuori di ogni logica del politicamente corretto e che rasentano la pubblica offesa. In particolare due affermazioni hanno focalizzato l'attenzione dei nostri concittadini e non solo dagli addetti ai lavori. Quella del Sindaco sulla pedana di Marturano e quella della capogruppo di maggioranza sulla scomparsa di 5 mila euro. Entrambe "fuori concorso", nonostante l'invito, plurimo, del neo Presidente Cosentino di attenersi ai punti all' O.D.G.
La matrice delle affermazioni è univoca: screditare la vecchia Amministrazione Frosina. Non può essere altrimenti un attacco frontale su atti chiusi ed archiviati per tempo senza che vi siano state implicazioni o responsabilità per chi ha gestito l'Ente per 5 anni in maniera onesta e trasparente. Ad elezioni chiuse si continua con veemenza ad accusare ed a prospettare ombre verso chi ha  lasciato il comune molto meglio di come lo ha ereditato. Non si possono adombrare dubbi e falsità sulla questione dello scivolo e sul furto alla cassa economale. È scorretto oltre che offensivo e lesivo della dignità personale di quanti erano i destinatari degli strali della nuova classe dirigente. 
Di nuovo, probabilmente, c'è l'utilizzo smodato dell'offesa e della calunnia e per questo la nostra Costituzione prevede gli strumenti atti a garantire il ripristino della dignità e dell'integrità morale di ognuno di noi.
Gli atti dimostrano con chiarezza che chi ha governato prima lo ha fatto onestamente e nel rispetto delle leggi. In primo luogo, l'innocenza dell'ex vice sindaco Mario Romeo: assolto per non aver commesso reato per quanto attiene l'apposizione di una pedana sulla spiaggia in località Marturano, che aveva come scopo, unico e solo, favorire la discesa verso l'arenile dei bagnanti. Secondo poi, l'assoluta estraneità dell'amministrazione Frosina in ordine al furto presso l'economato comunale. Relativamente all' affermazione della capogruppo di maggioranza sulla scomparsa dei 5 mila euro, va detto che senza ombra di dubbio non era informata su quanto successo e su quanto fatto dalla vecchia Amministrazione. Prima di aprire bocca sarebbe stato sufficiente rivolgersi alla sua assessora Randazzo all'epoca dei fatti componente della Giunta Frosina. Non sarebbe incorsa, evidentemente, in quella sciagurata oltre che offensiva dichiarazione resa durante il Consiglio Comunale. A proposito, sarebbe curioso oltre che chiarificatore sapere come la dottoressa Angela Randazzo la pensi sulla questione. Di contro, sarebbe istituzionalmente e politicamente corretto conoscere il parere del nostro Sindaco visto che dovrebbe rappresentare e garantire tutti i concittadini. O forse su questo sbagliamo signor Sindaco?
 
I componenti della ex Giunta Frosina