Sabato, 2 Luglio 2022
 
    Instagram         
 
liceo
 
Sostieni il tuo giornale -
LOGO UNIEURO 

"Bagnara Aperta" chiede al Sindaco che vengano ridotte del 50% le indennità degli amministratori comunali

  • Categoria: Politica

Bagnara Aperta - LogoBagnara Aperta - LogoCon i risparmi venga istituito un apposito capitolo in bilancio per il sociale.

Il gruppo Bagnara Aperta che negli anni ha prodotto e posto al governo locale tante proposte per la risoluzione dei problemi, ritiene di dover continuare anche nella nascente legislatura in continuità a porsi in maniera costruttiva. Questo motivo ci spinge a fare la nostra prima proposta politica.

Nei prossimi giorni, Lei in qualità di primo cittadino dovrà nominare la giunta, le donne e gli uomini che la affiancheranno nell'attività di governo. A tal proposito il gruppo Bagnara Aperta pone alla Sua cortese attenzione la prima proposta politica: Proponiamo quindi che come più volte decantato in passato e mai attuato, il primo cittadino e la sua giunta come primo atto deliberativo diano indicazione per la riduzione delle indennità di carica al 50%, istituendo un apposito capitolo in bilancio per il sociale.

Le indennità di carica nella scorsa legislatura impegnavano il bilancio comunale per circa 80 mila euro, il 50% sarebbe una cifra importante, intorno a 40 mila euro che in un momento di grave disagio, di forte recessione che sta vivendo la nostra società sarebbe un grosso aiuto per le famiglie meno abbienti che fanno fatica ad arrivare a fine mese. Riteniamo che questo potrebbe essere un passo importante che avvicinerebbe il cittadino alla politica, in discontinuità con il passato e coerente con quanto richiesto dall’opposizione nella scorsa legislatura, esempio positivo di politica al servizio della collettività.

Sarebbe altresì un segnale importante che darebbe forza al messaggio di cambiamento lanciato dalla nostra coalizione in campagna elettorale. Cogliamo l’occasione per augurare buon lavoro al sindaco ed alla giunta che guideranno per i prossimi cinque anni le sorti del paese.