Sabato, 8 Agosto 2020
 
    Instagram         
 
Dato
 
Sostieni il tuo giornale -
Banner Panificio Caruso - Giuseppe
 

BAGNARA CALABRA Gran Galà del Pescespada, i chiarimenti dell'Amministrazione Comunale

  • Categoria: Politica
Gregorio Frosina - Sindac di Bagnara CalabraGregorio Frosina - Sindac di Bagnara CalabraIl sindaco e la Giunta, a chiarimento della vicenda relativa alla deliberazione della Giunta Municipale n. 36 del 12 marzo 2020 avente ad oggetto: Gran Galà del pesce spada 2020 – Concessione gratuita di patrocinio e occupazione suolo pubblico per lo svolgimento della manifestazione da tenersi nei giorni 31 luglio e 1 – 2 agosto 2020, rende noto quanto segue:
- con nota acquisita al protocollo del comune di Bagnara Calabra al n. 2787 del 17.02.2020 il Presidente dell’Associazione Turistica “Pro-Loco” di Bagnara Calabra, al fine di poter organizzare il Gran Galà del pescespada 2020, ha fatto richiesta all’Ente di patrocinio e occupazione suolo pubblico di piazza Matteotti per i giorni 31 luglio e 1 - 2 agosto e piazza Rosario Villari per giorno 2 agosto;
-la Giunta comunale con deliberazione n. 36 del 12 marzo 2020, preso atto della coerenza dell’iniziativa con le finalità istituzionali dell’Ente e con gli obiettivi e programmi dell’Amministrazione, ha concesso all’associazione Turistica Pro-Loco, a titolo gratuito e per i giorni richiesti, piazza Matteotti e piazza Rosario Villari, lasciando a carico dell’Associazione ogni adempimento connesso al rilascio di licenze, permessi e autorizzazioni.
Si intende precisare e puntualizzare altresì che:
-con nota datata 29.07.2020 prot. n. 12771 del 30.07.2020 il Funzionario Responsabile UOC3 dott. Giuseppe Marino comunicava al Sindaco, alla Giunta, al Segretario Generale e al Presidente della Pro-Loco che alla data del 29 luglio “non risulta acquisita dall’ufficio Commercio alcuna richiesta di autorizzazione per lo svolgimento della sagra del pesce spada in programma per i giorni 31 luglio e 1 – 2 agosto 2020” e che lo stesso in virtù di ciò declinava ogni responsabilità “in caso di svolgimento della manifestazione senza le autorizzazioni sanitarie, commerciali per la somministrazione di alimenti e bevande, come pure per le omesse comunicazioni sulle azioni intraprese per il rispetto delle normative nazionali e regionali in materia di COVID 19”;
- sia nella conferenza stampa che negli articoli di stampa il presidente della Pro-Loco riferisce di aver “ottenuto dal comune di Bagnara tutte le necessarie autorizzazioni ad organizzare l’evento” e che solo martedì scorso il funzionario responsabile del servizio, in una riunione tenuta a palazzo San Nicola alla presenza del Sindaco e altri assessori avrebbe richiesto “integrazioni ed un ulteriore complicato progetto programmatico”;
- ad  non risultano pervenute nè al Sindaco nè ai funzionari preposti le richieste della Pro-Loco per ottenere le autorizzazioni amministrative necessarie alla realizzazione del Gran Galà del pesce spada e per la somministrate di alimenti e bevande;
-  l’unica richiesta pervenuta all’Ente da parte dell’Associazione Turistica Pro-loco in data 17.02.2020, finalizzata ad ottenere il patrocinio e l’utilizzo gratuito delle piazze Matteotti e Villari, è stata immediatamente evasa dalla Giunta con deliberazione n. 36 del 12 marzo 2020;
- la stessa deliberazione lasciava inequivocabilmente a carico dell’associazione ogni adempimento connesso al rilascio di licenze, permessi e autorizzazioni previste dalle vigenti normative nazionali e regionali e dai regolamenti comunali;
- tali autorizzazioni non risultano essere mai state richiesti dall’associazione Turistica Pro-loco nè mai rilasciate dall’Ente.
 In virtù di quanto esposto le dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa dal Presidente della Pro-Loco risultano non solo non rispondenti al vero nella parte in cui riferisce di aver già ottenuto dall’Ente le Autorizzazioni ad eseguire il Gran Galà del Pesce Spada e che martedì le sono state richieste integrazioni di un progetto programmatico complicato, ma ingenerose sia nei confronti del Sindaco e della Giunta sia del funzionario preposto al servizio che ha solo rilevato una inadempienza impeditiva del proseguo della manifestazione a tutela della salute e dell’ordine pubblico.
       
L'amministrazione Comunale