Sabato, 17 Agosto 2019
 
  
  
  
 
UNICUSANO 01
 
D. Alighieri
 
Banner Panificio Caruso - Giuseppe
 
Banner Cundari
 
WGT Solution
 

Villa, nominato assessore Giovanni Imbesi. Siclari: "si e’ distinto per impegno e lealtà"

  • Categoria: Politica

giovanni-imbesigiovanni-imbesiÈ stata una decisone ponderata e valutata approfonditamente e alla fine la Giunta di Villa San Giovanni è tornata al completo. Dopo la nomina ad assessore di Francesca Porpiglia, alla quale saranno assegnate domani, 11 giugno, le deleghe, a completare la rosa dei nomi che affiancheranno il sindaco per un periodo arriva Giovanni Imbesi che manterrà le deleghe che aveva fuori giunta da consigliere.

«Ho voluto scommettere su Giovanni Imbesi – spiega il primo cittadino Giovanni Siclari – è stata una scelta difficile dato che ci sono figure altrettanto valide come Aurora Zito e Mariagiovanna Santoro. Dopo aver avuto il consenso della Zito e della Santoro e ascoltando tutti gli altri ho deciso di nominare fino al prossimo rimpasto Gianni Imbesi che fin dall’inizio di questa avventura amministrativa ha dimostrato grande dedizione, impegno, caparbietà e lealtà nei confronti miei e di tutta la squadra. Lavorando nel rispetto delle sue deleghe si è saputo distinguere per impegno e costanza e, pur rimanendo convinto che vadano fatte delle verifiche per dare a tutti la possibilità di lavorare in Giunta, sono certo che Imbesi saprà sfruttare al meglio questo periodo traendo da quest’importante banco di prova il meglio. Ha già dimostrato le sue competenze impegnandosi giornalmente, infatti, è stato sempre in prima linea per ottenere i risultati storici visti fin qui. Basti pensare al suo fondamentale apporto tanto per il molo quanto per i lavori che interesseranno la Via Marina. Imbesi è una risorsa eccezionale e la freschezza della sua giovane età gli darà modo di esprimersi al meglio e continuare quella strada intrapresa da consigliere con le deleghe turismo, decreto emergenza e grandi opere».

Imbesi è un uomo di grandi principi, onesto, appartenente a una famiglia conosciuta per rettitudine e fervida fede cristiana. Ovviamente come già anticipato questo non esclude altri rimpasti e potenziali futuri allargamenti e nuovi assetti di maggioranza, ove ci potranno essere le condizioni.

Una stima che il sindaco non ha mai nascosto, anzi, ha più volte e in diverse occasioni lodato l’operato di Imbesi ragioni che lo hanno spinto ad assegnare quest’importante riconoscimento.«Sono felice di questo riconoscimento che per me non è un traguardo – ha dichiarato Imbesi – inizia una fase per me ancora più impegnativa che, mantenendo le mie deleghe, mi consentirà di promuovere un’azione ancor più incisiva. Ho seguito da vicino tutto l’iter per arrivare alla consegna del molo di sottoflutto e questo mi riempie di gioia e già domani saranno aperte le buste per dare in concessione stagionale diverse aree. Sono piccoli traguardi ma fondamentali. Stiamo già lavorando al progetto finale che vede il porto completo con strutture ricettive al so interno, pontili e tutto l’occorrente per la nautica da diporto. Continuerò a lavorare per arrivare al più presto a questo obiettivo. Anche con la consulta dei quartieri abbiamo avuto ottimi feedback lavorando in sinergia e stiamo già programmando una festa rionale nel mese di luglio. Non ho trascurato la delega al turismo, anzi, sono convinto che ci sia molto da fare e l’idea di concedere delle aree per animare la Via Marina è solo un inizio. I progetti non mancano e, in tal senso, abbiamo avviato l’iter per la tassa di soggiorno che dal 22 di giugno entrerà in vigore andando a creare una specifica voce in bilancio che ci consentirà di programmare interventi mirati di manutenzione e decoro della città. Per le grandi opere il grande sogno di un nuovo Lungomare è ormai alle porte. Siamo pronti a partire, già a luglio Rfi affiderà i lavori alla ditta che si è aggiudicata la gara. Secondo le indicazioni dell’ente appaltante Rfi i lavori inizieranno subito dopo l’estate. Non è mancato il lavoro e non mancherà per quanto riguarda il decreto emergenza per il quale siamo in attesa dell’ottenimento della proroga dei fondi, che di fatto sono già nelle casse comunali, attendiamo di fatto solo l’autorizzazione per l’utilizzo per poter completare l’opera principe per lo sviluppo della città ovvero il polmone di stoccaggio, attraverso il quale sarà possibile riorganizzare l’attraversamento del traffico veicolare. Infatti, grazie al polmone in località Castelluccio sarà possibile gestire il traffico liberando il centro città senza trascurare il parcheggio in Via Mazzini che rientra nelle opere del decreto emergenza e l’obiettivo finale che rimane lo spostamento degli approdi a sud. Ringrazio il sindaco per aver creduto in me e sono certo che continuando a lavorare così in piena sinergia riusciremo a raggiungere tutti gli obiettivi prefissati tenendo sempre ben presente il fine ultimo e comune che è il bene della città».