Domenica, 21 Aprile 2019
 
  
  
  
 
UNICUSANO 01
 
D. Alighieri
 
Calabriaè
 
Banner Cundari
 
Easy Travel

"Bagnara Aperta", su disservizi raccolta rtifiuti": "fuori tempo la contestazione fatta alla ditta incaricata per il servizio"

  • Categoria: Politica

Diss RifDiss RifIl gruppo Bagnara Aperta dopo avere letto la nota stampa del sindaco riguardo i disservizi relativi alla raccolta dei rifiuti, ritiene di dover fare alcune considerazioni a tal proposito.

Appare quantomeno fuori tempo la contestazione fatta dal competente ufficio tecnico alla ditta incaricata per il servizio. Contestazione forzata, probabilmente, da una segnalazione verbale fatta qualche giorno prima alla locale stazione dei carabinieri dal consigliere comunale Adone Pistolesi di Rinascita per Bagnara. Eppure era ben chiaro ed evidente da molto tempo che i servizi previsti dal Capitolato non erano stati effettuati correttamente.

La discussione dell’ultimo consiglio comunale era stata molto eloquente ed aveva fatto emergere percentuali di differenziata da “terzo mondo” (6,93%), rammentiamo che l’amministrazione nelle ultime pagine del suddetto Capitolato fissava gli obiettivi minimi della percentuale di Raccolta Differenziata, da raggiungere nel corso dello svolgimento dell’appalto in:

-          55% per il primo anno;
-          60% per il secondo anno;
-          65% per il terzo anno;
-          75% per il quarto anno;
-          80% per il quinto anno.

Di seguito elenchiamo tutti i servizi previsti dal Capitolato e vorremmo capire proprio dal sindaco e dalla sua giunta se era necessario aspettare due anni per scoprire che il servizio non era stato ottemperato correttamente:

a) Raccolta “PORTA A PORTA”, trasporto e recupero delle frazioni secche recuperabili ( carta e cartone, plastica, alluminio e banda stagnata, acciaio);
b) Raccolta “PORTA A PORTA”, trasporto e recupero delle frazioni organiche recuperabili;
c) Raccolta “PORTA A PORTA”, trasporto e recupero delle frazioni residue non recuperabili destinate a smaltimento;
d) Raccolta dai contenitori stradali del vetro per le utenze domestiche;
e) Raccolta “PORTA A PORTA”, trasporto e recupero del vetro per le utenza commerciali;
f) Raccolta e avvio a recupero dei rifiuti ingombranti;
g) Raccolta e avvio a recupero dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche;
h) Raccolta, Trasporto e Smaltimento/Recupero di Rifiuti Urbani Pericolosi (Pile, batterie e Farmaci scaduti);
i) Raccolta, Trasporto e Smaltimento/Recupero di Rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a) assimilati ai ridiuti urbani per qualità e quantità, ai sensi dell’art. 198 comma 2, lettera g9, rifiuti cimiteriali;
j) Spazzamento manuale e/o meccanico (uso mezzi idonei)delle aree pubbliche e delle aree private soggette ad uso pubblico dell’intero territorio comunale, in particolare spazzamento di tutte le vie (anche private soggette ad uso pubblico), piazze, marciapiedi, percorsi pedonali e carrai, slarghi, vicoli, scalinate, aiuole spartitraffico, giardini comunali, aree verdi ed attrezzate pubbliche del territorio comunale e lungo gli itinerari allo scopo stabiliti;
k) Pulizia, raccolta e trasporto dei rifiuti e dei detriti vari giacenti al termine del mercato settimanale, delle aree comunali interessate dopo le feste patronali, rionali, natalizie, pasquali e Carnevale.

Eppure ogni mese, in maniera puntuale, possiamo vedere nell’albo pretorio comunale la determina di pagamento effettuata alla ditta erogatrice del servizio, che definisce il pagamento fino all’ultimo centesimo come se il servizio fosse stato fatto correttamente. Ormai i cittadini sono esasperati ed ogni giorno affollano il palazzo comunale chiedendo spiegazioni riguardo la spazzatura nelle strade, non ricevendo nessun tipo di spiegazioni e di rassicurazione che il problema igienico-sanitario verrà risolto. La pantomima di un comunicato del sindaco che vuole giustificare l’ingiustificabile rende perfettamente il quadro della situazione.

Ribadiamo con forza, che il sindaco e l’attuale esecutivo cittadino sono incapaci di gestire le sorti del nostro paese. Questa problematica irrisolta è solo una delle tante che ormai gettano nello sconforto più totale una cittadina che per storia, per tradizione, per cultura meriterebbe molto di più.

Il Gruppo Bagnara Aperta