Lunedi', 10 Dicembre 2018
 
  
  
  
 
UNICUSANO 01
 
OMC 5
careri
Banner Cundari
 
Easy Travel

BAGNARA CALABRA Versamento anomalo di acque di probabile natura fognaria: la segnalazione di Santina Parrello (Rinascita per Bagnara)

  • Categoria: Politica
Foto - FognaFoto - FognaDi seguito la segnalazione di Santina Parrello, consigliere comunale di "Rinascita per Bagnara", inviata al Sindaco di Bagnara Calabra, al responsabile dell'Ufficio Tecnico, e al direttore del Dipartimento Arpacal di Reggio Calabria.
La sottoscritta Santa Parrello, in qualità di consigliere comunale presso codesto Comune, segnala alle Autorità in indirizzo la presenza di fuoriuscita di acque sporche di probabile natura fognaria in località Porelli di Bagnara, via Nazionale, zona fontana “Dell’Angelo”, a partire dal numero civico 190. Tale fuoriuscita avviene attraverso plurime fessurazioni, aperte lungo un muro di contenimento che costeggia la via Nazionale, sopra il quale sono edificate numerose abitazioni, allo stato non occupate, per quanto è noto.
Il liquido in questione confluisce sul pendio di scolo della predetta via Nazionale prospiciente il citato muro di contenimento, venendo infine assorbito da una grata per il convogliamento delle acque meteoriche. Essendo quel tratto stradale privo di marciapiede, il medesimo pendio di scolo funge passaggio pedonale; tuttavia, questo è, allo stato, impraticabile, a cagione dello strato melmoso che la copiosa e risalente fuoriuscita di liquidi ha, nel frattempo, sedimentato. Appare, quindi, evidente che le suddette fuoriuscite comportano un rischio igienico sanitario, in relazione alla qualità del liquido in questione, ma anche un grave ed imminente pericolo per i pedoni costretti alla scomoda alternativa tra passare in mezzo alla melma oppure in mezzo alla strada carrabile.
Peraltro, urge verificare se tali persistenti fuoriuscite di acqua, oltre a provocare le citate fessurazioni del muro di contenimento (che varia in altezza tra i 3 ed i 4 metri dal selciato) ne possano avere pregiudicato la stabilità, con conseguenti pericoli di crollo. Poiché, mi risulta che, nonostante alcuni concittadini abbiano già segnalato verbalmente il problema, ad oggi, non sono stati effettuati interventi di alcun genere, si raccomanda la necessità di intervenire urgentemente al fine di prevenire gravi rischi per la salute e l’incolumità pubblica. Al Dipartimento ARPACAL di Reggio Calabria, si richiede di voler intervenire per le analisi delle acque e per risalire alla fonte dello scarico abusivo.