Domenica, 29 Marzo 2020
 
  
  
  
 
unieuro - bagnara calabra
 
D. Alighieri
 
Banner Panificio Caruso - Giuseppe
 
Banner Cundari
 
WGT Solution
 

BAGNARA CALABRA La banda musicale cittadina vanta duecento anni di storia

Banda di BagnaraBanda di BagnaraBagnara – La tradizione musicale in particolare quella strumentale nella nostra cittadina vanta duecento anni di storia, un percorso lungo, intenso, ricco di eventi unici e di grande rilevanza sociale. Non è facile in poche righe racchiudere quelle che sono state le vicende che hanno interessato la banda musicale della cittadina del basso Tirreno.

Va sottolineato comunque, che si tratta di una realtà unica fra le poche esistenti in Italia e nel mondo e, che hanno eguali percorsi storici. Due secoli di attività artistica mai interrotta, modello per molte altre, punto di riferimento ma anche scuola di formazione per molti talenti musicali. Come non ricordare quanti sono stati chiamati ad essere protagonisti, ieri come oggi, in palcoscenici prestigiosi a livello internazionale e, hanno contribuito a scrivere pagine significative nella storia di altre celebri formazioni. Fra i tanti citiamo il maestro Domenico Valente che con la sua direzione ha reso grande la banda musicale di Chieti, a tal punto, che quasi un secolo fa era considerata la banda rappresentativa per lo Stato italiano, o il maestro Vincenzo Fedele direttore della New band of Brooklyn. Grandi maestri che come molti altri hanno avuto la prima formazione a Bagnara, non solo direttori, ma anche solisti eccellenti come nel caso di Gerolamo Punturi docente di clarinetto nel corservatorio di musica di Napoli intorno agli anni settanta del diciannovesimo secolo e capo banda del trentesimo reggimento fanteria, per citare un suo omologo di oggi c'è Ivan Barilà docente di clarinetto e componente di molte formazioni orchestrati ne citiamo una fra le tanti la formazione giovannile di Berlino, ed ancora Rosario Chillè trombettista e compositore oggi un suo pronipote il tombettista Alberto Condina, di recente chiamato nell'orchestra della Scala di Milano, presente anche all'arena di Verona o alla Fenice di Venezia. Se dovessimo citare tutti avremmo bisogno di decine di pagine, tenendo conto anche dei tanti musicisti che hanno avuto i natali a Bagnara e che nel passato come oggi sono professionisti di altissimo livello. Come tanti sono i giovani che ancora oggi si formano fra le file della banda e poi approdano in conservatorio ottenendo affermazioni importanti. Due secoli un percorso lungo con molte vicende personali e tanti eventi legati alla banda musicale, a raccontare tutto questo è stato l'attuale direttore, il maestro Vincenzo Panuccio che dopo un intenso lavoro di ricerca è riuscito a ricostruire in parte questa storia che nel mese di agosto sarà pubblicata e distribuita in occasione dei festeggiamenti per una ricorrenza particolare. Una storia nella storia possiamo dire infatti, pochissime altre formazioni a livello nazionale possono vantare un tale primato, infatti, cento anni fa nell'agosto del 1920 la banda musicale di Bagnara sotto la direzione del maestro Francesco Alati, trionfava al concorso nazionale di Orbetello e otteneva la medaglia d'oro offerta dal maestro Giacomo Puccini. Un evento che non poteva non essere ricordato e fatto conoscere alle nuove generazioni. E' passato un secolo e, a quel primo successo si sono aggiunti nell'albo d'oro tanti altri, fra gli ultimi ottenuti sotto la guida del maestro Panuccio, citiamo: quelli nazionali Frosinone (la bacchetta d'oro), Flicorno d'oro Riva del Garda, in due competizioni a Lamezia Terme (AMA Calabria), mentre sui palcoscenici internazionale ricordiamo i successi nel concorso europeo del Luxemburgo, nel concorso mondiale di Kerkrade (Olanda) e nel concorso internazionale di Malgrate de mar (Spagna). L'evento sarà ricordato nel mese di agosto con la partecipazione di figure prestigiose di fama internazionale e sarà eseguita la sinfonia della Norma di Vincenzo Bellini, brano con il quale la banda rossa cento anni fa ottenne il suo personale successo a Orbetello.

Mariacarmela Fiorenza