Giovedi', 12 Dicembre 2019
 
  
  
  
 
D. Alighieri
 
Banner Panificio Caruso - Giuseppe
 
Banner Cundari
 
WGT Solution
 

Idee e prospettive per la Biblioteca Comunale di Scilla

Biblioteca ScillaBiblioteca ScillaL’associazione “Famiglia Ventura” in sinergia col Comune di Scilla ha iniziato il riordino del fondo librario, composto da circa ottomila volumi e donato nella primavera 2017. Infatti a seguito di un protocollo d’intesa siglato a gennaio di quest’anno con l’associazione pescarese “Clemente de Caesaris”, si conta presto di fornire anche le scaffalature necessarie alla costituenda Biblioteca, sita nei locali dell’ex stazione ferroviaria, il tutto senza alcuna spesa a carico dell’Ente già commissariato.

«Esiste un progetto per rendere viva e sostenibile questa Biblioteca, per noi una sfida essendo la più grande delle sette sinora patrocinate e l’unica a dovere rispondere agli standard a cui un ente pubblico deve rispondere – spiega il presidente Francesco Ventura – Qui si è concentrata una forte dotazione scientifica e si è previsto di incentivare la nascita di una scuola specializzata al potenziamento delle conoscenze matematiche, fisiche ed astronomiche così da formare i futuri partecipanti alle relative Olimpiadi. Su quest’ottica l’essere su una linea ferroviaria offre un’utenza potenziale che abbraccia tutta linea da Rosarno a Melito Porto Salvo».

Il piano è audace e prevede di integrare energie e risorse dal Servizio Civile, accordi con l’Università di Messina e progetti con l’associazionismo. La scuola matematica andrebbe poi a garantire quel flusso economico utile a finanziare servizi diretti alla comunità scillese. Si è pensato ad un programma gratuito di doposcuola per l’intera popolazione in età scolare ed un progetto di lettura a domicilio in favore degli anziani che vivono da soli, durante il quale svolgere in parallelo una campagna di monitoraggio del diabete e della pressione sanguina. Inoltre la possibilità di ospitare a turno le edizioni regionali delle varie Olimpiadi di matematica, fisica ed astronomia, creerebbe in favore dell’imprenditoria ricettiva locale delle utili prospettive di destagionalizzazione turistica, generati da canali nuovi per l’intera Costa Viola.

«La Biblioteca risponderà innanzitutto ai bisogni scillesi, ma dovrà però individuare le formule per dialogare con le realtà già esistenti a Melia e Solano e creare opportunità in quartieri come Favazzina e soprattutto Ieracari, dove l’elemento di coesione culturale è percepito come più debole. La sfida è interessante quanto concretizzabile, chi volesse sostenerla ci troverà sino al 18 dicembre ogni lunedì e mercoledì dalle 10.30 alle 16 presso i locali dell’ex stazione, ingresso Comando di Polizia Locale, intenti al riordino del fondo. Due braccia in più sono sempre ben accette».

Redazione