Martedi', 17 Luglio 2018
  
  
  
 
UNICUSANO 01
 
OMC 5
careri
Banner Ottica in
Easy Travel

"La nostra storia in biblioteca": giovedì 26 aprile primo appuntamento con il libro, “Edward Lear tra Motta San Giovanni e la Bovesia”

La nostra storia in biblioteca - Loc --La nostra storia in biblioteca - Loc --BAGNARA CALABRA - Si terrà il prossimo 26 aprile, alle ore 10.30 presso la sede della Biblioteca Comunale “A. Iracà”-Centro Multimediale “U. Lopresto” di Bagnara Calabra, il primo incontro relativo al progetto “La nostra Storia in Biblioteca”, un ciclo di presentazioni di opere dedicate alla storia locale promosso dall’Associazione Culturale “Caravilla” col patrocinio gratuito del comune di Bagnara e la collaborazione dell’Istituto Superiore “E. Fermi” e dell’Istituto Comprensivo “U. Foscolo”.

Il fine dell’iniziativa è quello di valorizzare la nuova location come centro di aggregazione sociale e culturale del paese e contestualmente divulgare il plurimillenario patrimonio di memorie dell’Area dello Stretto. Una copia delle opere dei libri che verranno presentati sarà inoltre donata dagli autori alla Biblioteca “Iracà”, entrando così a far parte del patrimonio librario della cittadina tirrenica. Il primo volume protagonista della rassegna è “Edward Lear tra Motta San Giovanni e la Bovesia” (Disoblio edizioni) di Anna Rita Mazzitelli e Saverio Verduci, che dialogheranno con Natale Zappalà. 

Un libro-ricerca che rappresenta la naturale conclusione di un percorso di lavoro-studio che ha completamente coinvolto gli autori, entrambi insegnanti, alla riscoperta del personaggio di Edward Lear, scrittore, paesaggista, pittore, sinceramente interessato all’Italia e alla Calabria Meridionale, disegnandone le sue particolari bellezze e descrivendone anche il carattere dei suoi abitanti in un particolare momento storico (il XIX secolo), durante il quale questa terra, dura e forte, si stava lentamente trasformando. Un argomento, che si inserisce nel contesto culturale della letteratura di viaggio e del Grand Tour, molto valido e coinvolgente, rivolto non solo ad un pubblico di “addetti ai lavori”, ma anche ai più giovani (ad incontrare gli autori saranno gli studenti del Comprensivo) nella speranza di coinvolgerli e di farli sentire spettatori attivi della storia e del loro territorio.

La nostra storia in biblioteca - LocLa nostra storia in biblioteca - Loc