Domenica, 16 Dicembre 2018
 
  
  
  
 
UNICUSANO 01
 
OMC 5
careri
Banner Cundari
 
Easy Travel

Frana su “Cala Janculla”: a rischio una delle spiagge più belle d’Italia

Cala JancullaCala JancullaNel 2003 Legambiente ha inserito “Cala Janculla” tra le 10 spiagge più belle d'Italia ed è stato individuato come sito di importanza comunitaria. “La spiaggia – così come ancora viene descritta in alcuni siti online - è raggiungibile solo via mare e colpisce sopratutto per il colore della sua sabbia, per le sue grotte e il contrasto rocce, acqua vegetazione che la fa somigliare tanto alle mete esotiche”. Oggi non è più così. La spiaggia incontaminata ha lasciato spazio ad un fiume di fango, detriti e materiale franoso, che ha invaso gran parte del fronte mare. Gli ultimi eventi atmosferici hanno influito non poco sulla già precaria situazione della spiaggia e su tutto l’ecosistema intorno a “Cala Janculla”. E quella che una volta lasciava gli occhi del visitatore incantati, adesso, nel guardare ciò che ne rimane, un misto di rabbia, impotenza e tristezza assale chi, passando da quelle parti, ricorda ancora la bellezza di un sito particolare ed unico.

Quello che doveva, e poteva essere luogo e meta di turisti, e attrattiva per diportisti e amanti della natura, è diventato un monumento all’incapacità di una classe dirigente poco incline, non solo a valorizzare posti e siti come questo, ma addirittura di conservarne intatta la bellezza e la peculiarità. I danni, probabilmente, sono irreversibili. A chi importa perdere un patrimonio inestimabile ed esclusivo? Si attendono da anni percorsi che possano dare il giusto risalto a tutta l’area costiera della Costa Viola, i tentativi non si contano più, e ciò che da altre parti è una risorsa turistico, economica e culturale di grande valore, a queste latitudini rimane un sogno. Per qualcuno, forse, neanche quello.

Carmelo Tripodi

(le foto a corredo dell’articolo sono di Pino Gioffrè)

Cala Janculla - FotoCala Janculla - Foto