Lunedi', 8 Agosto 2022
 
    Instagram         
 
liceo
 
bagnara sas -
LOGO UNIEURO 

Parco d'Aspromonte, il vescovo Milito: “Salvaguardare e valorizzare il patrimonio culturale religioso nel territorio del Parco”.

1-bombino-milito1-bombino-milito“Salvaguardare e valorizzare il patrimonio culturale religioso nel territorio del Parco”.  E’ con questo spirito che S. E. Mons. Francesco Milito, Vescovo della Diocesi di Oppido Mamertina -Palmi e il Presidente dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, Giuseppe Bombino, hanno siglato – presso la sede dell’UTB del Corpo Forestale dello Stato, alla Presenza del Comandante Provinciale del Cfs Giorgio Borrelli e di Marina Forgione Dirigente Utb - un’intesa programmatica, al fine di lavorare, sinergicamente, ad interventi di recupero e di restauro del patrimonio culturale appartenente ad Enti Ecclesiastici.

Con il protocollo d’intesa, Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte e Diocesi di Oppido M. – Palmi, puntano all’inventariazione, catalogazione e documentazione del patrimonio ecclesiastico monumentale, archeologico e artistico d’interesse religioso; al riordino e fruizione del patrimonio archivistico ecclesiastico a fini di ricerca e divulgazione in campo storico; alla catalogazione, incremento, tutela e fruizione del patrimonio ecclesiastico bibliografico e bibliotecario e all’allestimento e apertura al pubblico dei musei di arte sacra appartenenti agli enti ecclesiastici.

Al fine di favorire lo scambio d’informazioni e contribuire alla concreta attuazione del presente accordo, verrà costituito l’ “Osservatorio per i beni culturali ecclesiastici ricadenti nel territorio del Parco”.

Viene avviato, dunque, un percorso che assume un alto significato per il territorio, dimostrando attenzione e dedizione nei confronti delle comunità; una simbiosi tra realtà di indiscusso valore, tra territorio e religione, tra uomo e ambiente, allargando il concetto di biodiversità, così come già specificato dalla Carta di Roma, anche alle opere e ai segni lasciati dall’uomo.