Venerdi', 5 Giugno 2020
 
    Instagram         
 
Dato
 
Sostieni il tuo giornale -
Banner Panificio Caruso - Giuseppe
 

BAGNARA CALABRA Virus e quarantena non fermano gli incivili: mobili e altro materiale ingombrante abbandonato sotto le arcate del Ponte Caravilla

mobilia  -mobilia -E' vero che in questo periodo la gente deve rimanere a casa, ed è anche vero che molti stanno riscoprendo l'arte della cucina, della tinteggiatura, del cucito, e di altre attività per far passare in fretta il tempo. C'è chi invece le lunghe giornate preferisce passarle rinnovando la mobilia, o svuotando la cantina di materiale depositato da tempo.
Tutte cose buone, e che aiutano quelle persone disabituate a stare casa a dare un senso a giorni che appaiaono tutti uguali, e ad attutire il disagio di dover stare isolati. Quello che non va bene invece, dopo aver fatto le pulizie di casa e rinnovato la cucina, è l'abbandono di materiale ingombrante e di altra natura per le vie del paese. 
Nel caso specificio da qualche giorno, mobili, un cucinino, delle sedie, e delle buste di plastica sono state abbandonate sotto le arcate dello storico Ponte Caravilla. Qui non solo l'inciviltà la fa da padrone, ma allo stesso tempo si deturpa un bene di valore inestimabile. Tra l'altro, chi ha abbandonato il materiale ingombrante, ha anche violato la quarantena visto che non viene prevista nell'autocertificazione la possibilità di spostarsi dal proprio domicilio per lasciare rifiuti per strada. Qui, è chiaro, serve senso civico, responsabilità, capacità di giudizio, e amore per il bello, ma quando tutto questo viene meno non resta che sanzionare atti che pregiudicano il vivere civile, deturpano l'ambiente, e creano un danno economico per l'intera collettività.
 
Car Trip
 
Ingombranti abbandonatiIngombranti abbandonati