Giovedi', 17 Agosto 2017
  
  
  
 
1 ENZO BANNER 2 def
 
OMC 5
careri
1 Area di sosta - Pacì - Scilla
1 Autonoleggio Luppino

Decine di famiglie a rischio sfratto a Pellegrina di Bagnara Calabra, interviene l’USB Calabria: “vergogna senza fine, basta inerzia”

1  MCL1 MCLSulla vicenda degli sfratti a Pellegrina di Bagnara Calabra in località Calcara, interviene l’Unione Sindacale di Base dichiarando che <<si tratta di una vera e propria emergenza”>> e denunciando <<l’intollerabile silenzio delle Istituzioni di Bagnara Calabra, colpevolmente inadempienti ed inerti rispetto al dramma di intere famiglie del posto costrette a subire, senza colpa, per la gravissima situazione in cui versano, la perdita del “diritto alla casa”. La situazione drammatica che si è venuta a creare per gli “sfrattati” di tutta l’intera zona, considerato che a loro volta tutte le famiglie del posto (Donne, Bambini ed Anziani compresi) stanno vivendo uno status psicologico “disumano” e che questa forma di degrado lo vieta espressamente la nostra stessa “Costituzione”>>.

L’Unione Sindacale di Base evidenzia come presso   <<la sede sono pervenute moltissime segnalazioni e denunce da parte di chi fino ad oggi per ben 37-40 anni ha pagato sempre le tasse e la propria quota per il “DIRITTO” di Abitare (come sancito e sottoscritto nero su bianco) – Con contratti firmati dagli anni 80’, perciò non è possibile che oggi si ritrova sbattuta fuori di casa come se fossero degli ebrei pronti per il viaggio verso i “campi di sterminio”.  La USB Calabria – continua - non può più accettare dei simili comportamenti da parte di chi amministra i propri cittadini e che deve dare loro il “Diritto” di abitare (come sancito dalla nostra costituzione, sul proprio contratto di alloggio e non solo...), poiché bisogna far vivere dignitosamente ogni essere umano. Ora ci sorge spontanea una domanda non è che qualcuno in periodo di elezioni ha promesso, promesso, promesso oggi si ritrova non dietro ad una scrivania e per spregio con l’aiuto degli amici degli amici vuole vendicarsi a discapito della povera gente?>>

L’USB si è attivata subito, informando  <<i “piani superiori” di tutte le forze politiche sia a livello Regionale e sia di Governo centrale, i quali ora dovranno fare chiarezza su questa storia davvero vergognosa tutta “Made in Italy”.  È impossibile vincere le grandi scommesse della vita senza correre dei rischi, e le più grandi scommesse sono quelle relative alla casa e alla famiglia, tutto questo è perché la casa è il luogo dove risiede l’amore vengono creati i ricordi arrivano gli amici e la famiglia è per sempre>>. Le lotte, fanno sapere i residenti,  non sono finite, <<continueremo finchè non ci saranno risposte per tutte le famiglie che si trovano dopo tanti anni in mezzo a una strada>>.

Redazione